Napoli, il resoconto del 2018

115

Sport. Con la vittoria sul Bologna per 3-2 di ieri pomeriggio il Napoli ha chiuso l’anno calcistico 2018 con i tre punti, dimostrando in questa prima parte di stagione di aver assimilato i concetti chiave del gioco di Ancelotti.

L’anno che sta volgendo al termine è stato un anno molto duro per il Napoli, caratterizzato, soprattutto, dall’uscita dal girone di Champions in modo clamoroso e dalla perdita dello scudetto nelle ultime giornate della passata stagione.

I punti fermi sono stati indubbiamente Kalidou Koulibaly, Lorenzo Insigne e Dries Mertens, con Milik che pare sia finalmente salito in cattedra con prepotenza nelle ultime giornate e che dovrà acquisire costanza nel 2019 per dare tutto l’apporto possibile ad un Napoli che ha tanta, troppa voglia di tornare a vincere un trofeo.

Se togliessimo da mezzo la Juventus dei record, la squadra che nel 2018 ha riconfermato, per l’ennesima volta, di non avere rivali in Italia, il Napoli avrebbe conquistato lo scudetto e sarebbe al momento in testa alla classifica con un distacco di ben 5 lunghezze dalla seconda; ma questa sarebbe fantascienza, dunque gli azzurri dovranno fare del loro meglio nel nuovo anno per cercare di contrastare la potenza dei bianconeri e di riportare a casa qualche trofeo, che sia in campo nazionale o europeo.