Morto sul Vesuvio, l’addio a Umberto. Due comunità sotto choc

1805

Maddaloni/San Marco Evangelista. Era andato in pensione poco più di un anno fa, ma Umberto Salzillo, 63 anni, ha continuato ad aiutare le ditte del settore nel quale è stato presente per anni. Rispettato da tutti sul lavoro, amato da chi lo conosceva. La ditta che si occupava degli interventi sul sentiero del Vesuvio si era rivolta a lui come consulente.

Ieri però il dramma: durante la pausa pranzo Umberto si è allontanato, per quella che inizialmente sembrava una passeggiata a quota mille, tra le bellezze del maestoso vulcano. Si è sentito male e nonostante i soccorsi per lui non c’è stato nulla da fare.

L’autorità giudiziaria, avvertita dai carabinieri di Ercolano, non ha ritenuto necessaria l’autopsia e la salma del 63enne è tornata a casa per i funerali che saranno celebrati oggi. Umberto era originario di Maddaloni ma risiedeva da anni a San Marco Evangelista, dove è stato anche consigliere comunale.